Nella recente pubblicazione “Indicazioni ad interim sulle misure di prevenzione e controllo delle infezioni da Sars-Cov-2 in tema di varianti e vaccinazione anti Covid -19” del 13 marzo 2021 dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) si legge che ”relativamente al distanziamento fisico, non vi sono evidenze scientifiche che dimostrino la necessità di un incremento della distanza di sicurezza a seguito della comparsa delle nuove varianti virali”. Nonostante ciò il la Dirigente scolastica, in sinergia con i suoi collaboratori e referenti di plesso, ha voluto “studiare” la strategia più idonea per garantire agli alunni e studenti un rientro in sicurezza.

 

Benchè venga sempre garantita la distanza minima di un metro durante le attività didattiche, durante la ricreazione all'aperto il distanziamento fisico aumenta fino a due metri. Gli alunni e studenti possono stare insieme e socializzare anche se... a distanza. 

 

La nostra scuola pone sempre i suoi studenti al centro della vita scolastica affinchè vengano garantiti loro il diritto alla salute e al benessere, prima ancora del diritto allo studio. 

Comunicazione alle famiglie

Video

Video

 

Con Amazon supporti la scuola

Partecipa alla nuova edizione di Un click per la Scuola, Amazon donerà lo 0,5% della tua spesa a una scuola a tua scelta

A partire dal 21 settembre 2020 fino al 21 marzo 2021, Amazon donerà alle scuole una percentuale di tutti gli acquisti di prodotti venduti su Amazon.it effettuati dai clienti che hanno aderito all'iniziativa.

La scuola potrà utilizzare il credito virtuale ricevuto per selezionare e ricevere gratuitamente attrezzature informatiche, materiale didattico e tutti i prodotti di cui la scuola ha bisogno scegliendo da un catalogo di oltre 1.000 prodotti.

Durante la precedente edizione dell'iniziativa, Amazon ha donato alle scuole italiane 2 milioni di euro.

E con la nuova edizione 2020/2021, arriva una novità: Amazon Digital Lab, un mondo di risorse digitali gratuite per studenti e insegnanti da utilizzare in classe e a casa, per una didattica innovativa vicina alle esigenze della scuola.
Scopri di più su Amazon Digital Lab

 

Link all'iniziativa

“La valutazione precede, accompagna e segue i percorsi curricolari” (IN 2012)

 

 

L’Ordinanza ministeriale 172 del 4 dicembre 2020, che attua quanto previsto dal decreto legislativo 62/2017 e dal decreto legge 22/2020, art. 1 comma 2-bis ha individuato un impianto valutativo che supera il voto numerico e introduce il giudizio descrittivo per ciascuna delle discipline previste dalle Indicazioni nazionali per il curricolo, Educazione civica compresa. Un cambiamento che ha lo scopo di far sì che la valutazione degli alunni sia sempre più trasparente e coerente con il percorso di apprendimento di ciascuno.
Il giudizio descrittivo di ogni studente sarà riportato nel documento di valutazione e sarà riferito a quattro differenti livelli di apprendimento:

 

  • Avanzato: l’alunno porta a termine compiti in situazioni note e non note, mobilitando una varietà di risorse sia fornite dal docente, sia reperite altrove, in modo autonomo e con continuità.
  • Intermedio: l’alunno porta a termine compiti in situazioni note in modo autonomo e continuo; risolve compiti in situazioni non note, utilizzando le risorse fornite dal docente o reperite altrove, anche se in modo discontinuo e non del tutto autonomo.
  • Base: l’alunno porta a termine compiti solo in situazioni note e utilizzando le risorse fornite dal docente, sia in modo autonomo ma discontinuo, sia in modo non autonomo, ma con continuità.
  • In via di prima acquisizione (iniziale): l’alunno porta a termine compiti solo in situazioni note e unicamente con il supporto del docente e di risorse fornite appositamente.

I livelli di apprendimento saranno riferiti agli esiti raggiunti da ogni alunno in relazione agli obiettivi di ciascuna disciplina. Nell’elaborare il giudizio descrittivo si terrà conto del percorso fatto e della sua evoluzione.
La valutazione degli alunni con disabilità certificata sarà correlata agli obiettivi individuati nel Piano educativo individualizzato (PEI), mentre la valutazione degli alunni con disturbi specifici dell’apprendimento terrà conto del Piano didattico personalizzato (PDP).

 

Riferimenti normativi

Indicazioni Nazionali per il Curricolo del 2012 

Indicazioni Nazionali e Nuovi scenari del 2018

Valutazione scuola primaria - Ordinanza

Linee Guida