Arte e creatività convivono non solo negli artisti più celebrati ma anche dentro ognuno di queste studentesse e studenti. La sapiente guida del docente di Arte prof. Altobelli ha indicato la strada ad ognuno, ha offerto loro gli strumenti per coltivare Arte, Creatività, Curiosità, ma soprattutto ha incoraggiato gli studenti a credere in quello che stavano facendo. 

Video 1

Video 2

Video 3

E il tratto del docente di arte prof. Altobelli

Nelle giornate del 4, 7 e 8 giugno 2021 in modalità telematica su piattaforma GoToMeeting si è svolto il corso di formazione per i docenti dell’Istituto comprensivo “Egnazio Danti” sull'Educazione civica tenuto dalla prof.ssa Ivana Iaboni, referente d'Istituto.

Il corso, come si evince dal titolo “Dall’Io volitivo all’Io creativo: approccio antropologico e spunti creativi alla costruzione di percorsi di cittadinanza attiva”, ha voluto offrire spunti di riflessione e operativi a partire dai contributi offerti dalla varie discipline, dalla pedagogia e dalla antropologia culturale. ù

Lo scopo del corso è stato quello di non riproporre l’analisi delle tematiche dell’Educazione civica viste nella loro singolarità, ma tra loro interrelate, ricercando gli elementi in comune e facendo leva sulle competenze trasversali europee. Il messaggio che è passato in maniera preponderante ha voluto sottolineare l’importanza di concetti trasversali come Relazione, Comunicazione, Rispetto del sé, degli altri e delle cose e del concetto di Ambiente come Contesto di cultura inteso in senso antropologico piuttosto che classico. Dopo la prima parte, dal taglio prevalentemente teorico con focus sul concetto di e-ducazione (ex-ducere “tirare fuori” per una visione trasformativa della realtà incentrata sulla conoscenza profonda che alimenta le competenze), la seconda parte si è concentrata su studi di caso (bullismo e cyberbullismo, parità di genere, ecc.) e su proposte di attività e compiti di realtà per i tre ordini di scuola. Questi ultimi sono stati pensati in modo tale da far convergere in essi tanto le conoscenze disciplinari quanto quelle trasversali – europee e di educazione civica. Per dirla con Ingold, antropologo-educatore contemporaneo, è stata offerta ai docenti una visione “altra” della realtà che si crea nel momento in cui la si esperisce.

Applicata al contesto scolastico, si è posta l’attenzione sul superamento del “contratto didattico” di Brousseau che porta con sé l’approccio trasmissivo e nozionistico, molto spesso poco empatico e poco gratificante per gli studenti. L’intento è stato quello di stimolare nei docenti un approccio alla didattica più motivante, sfidante e trasformativa che metta al centro dell’apprendimento i processi, l’autonomia e la responsabilità in un ambiente di ben-essere. Il docente, nel mettersi in discussione, decentrarsi e offrirsi agli studenti come coach, sottolinea il protagonismo degli studenti che partecipano così alla comunità di apprendimento co-costruendo le regole del buon cittadino.

 

Materiali del corso

infoSlides del corso (in allegato)

info Perchè la didattica trasmissiva non funziona più

 

Nella nostra scuola Erasmus non si ferma!!!
Giunto alla conclusione il nostro progetto Erasmus "Let me Bloom Let me Shine", dedicato alla realizzazione di orti giardino nella nostra scuola, in questi giorni si sta misurando con una nuova esperienza, la mobilità virtuale.
Ciò che ci muove è l'entusiasmo di continuare un'impresa originale e creativa, di sperimentare ancora, seppure a distanza, quanto sia bello condividere esperienze nuove con compagne e compagni, con colleghe e colleghi di altre scuole.
15-16-17-18 giugno quattro giorni di condivisione virtuale assieme alle scuole partner in Polonia, Spagna e Turchia con le menti aperte e senza confini!
Gli alunni delle classi della scuola primaria 3A e 3B di Mole Bisleti, 3D di Felice Cataldi, 1A della scuola secondaria di primo grado hanno partecipato alle attività on line sulla piattaforma GoTomeeting messa a disposizione dalla nostra scuola.
Le ragazze ed i ragazzi hanno seguito le presentazioni e partecipato al tour virtuale in Turchia, Izmir, hanno partecipato ad attività di gamification, hanno decorato casette per gli uccelli e pietre per il giardino, hanno realizzato teste d’erba, bombe di semi per le api e quadri con materiali naturali. Tutti, studenti e docenti presenti, hanno messo in campo  le loro competenze nella Lingua Inglese, nelle nuove tecnologie, ma, soprattutto, hanno cominciato a provare di nuovo il desiderio di ricominciare a viaggiare e a conoscere culture e tradizioni diverse.

Video di chiusura del progetto

Video delle attività teste d'erba

Video delle attività fare arte con la natura

Video delle attività bombe di semi

Video delle attività durante la DDI

Programma dell'evento

Ormai l'anno scolastico volge alla fine. Alunne e alunni, studentesse e studenti hanno realizzato manufatti con la supervisione dei docenti. In un ambiente di apprendimento sereno e divertente, l'apprendimento è più consapevole e profondo.

 

Lavori della classe 1F - Educazione musicale